Dental Experience

TUTTA LA VERITA’ SUL TURISMO DENTALE

Turismo dentale - Pullman ClinicaQuesta estate ero indeciso se passare le mie vacanze alle Maldive, in Tailandia, in Madagascar o magari sulla poltrona di una clinica low cost croata…nel dubbio, alla fine, non sono andato da nessuna parte e mi sono accontentato di un paio di giretti in moto. Mannaggia a me! Quando il ventaglio di scelte è troppo ampio, con una proposta meglio dell’altra, finisco sempre a non saper cosa scegliere!
Però devo ammettere che questo turismo dentale mi ispira…

 

Cercando su internet sono incappato in un sito in cui si scrive che in una azienda ungherese, sedicente capostipite del turismo dentale,

”nel prezzo è compreso l’abbonamento dei mezzi pubblici di Budapest, un giro turistico, l’intervento di un interprete madrelingua, il taxi, oltre che naturalmente la visita preliminare. Se invece il lavoro dovesse valere almeno 1800 euro, ecco che nel prezzo spunterebbe anche il rimborso dell’aereo e una notte in un hotel convenzionato”.

Mmmmmmh, è che qui il confronto non è più tra andare dal dentista in Italia o in Ungheria, ma è che mi costa meno anche di andare alle Maldive! E l’Ungheria e la Croazia ho sentito dire che sono molto belle!

A parte gli scherzi, una chiacchierata sul turismo dentale e sul low cost prima o poi in un blog di informazione odontoiatrica ci stà.

Pare che il fenomeno sia in aumento…sinceramente non ho avuto voglia di girarmi tutto il web per conoscere i numeri di questo “fenomeno”, ma in un sito sulle cure dentali in Croazia si dice che nel 2012 70000 italiani si sono fatti curare all’estero, 20000 in Croazia. Naturalmente la regione italiana in cui il turismo dentale è più diffuso è il Trentino, che risulta più vicino ai paesi in cui il turismo dentale è più rinomato.
Poi vado su un altro sito e si parla di più verosimili 6000 italiani all’anno che vanno all’estero per cure dentali…

Un altro sito mi dice che nel 2013 se si cercava su Google AdWords quante persone avevano effettuato un ricerca delle parole “turismo dentale” veniva fuori 1300 al mese, 15600 all’anno…Se si cercava “turismo dentale + altra parola” salivano a 3600 al mese, 43200 all’anno.

Fermo restando che, anche visto il numero di ricerche on-line, è più probabile che siano 6000 gli italiani che fanno del turismo dentale ogni anno, mi incuriosisce che un picco di ricerche lo si abbia avuto quando Striscia la Notizia si era occupata del fenomeno nel 2012…A me sembra proprio che si voglia fare un caso nazionale per una cosa che non ha alcuna rilevanza…1 italiano su 10000 va a farsi curare i denti all’estero per risparmiare…embè? I numeri sono non di molto superiori ai casi di sifilide e di tubercolosi che si verificano ogni anno in Italia, ma si parla molto di più del turismo dentale…

Quindi ogni giorno in Italia 4 persone si ammalano di sifilide, 12 di tubercolosi e 17 salgono su un pulmino e, cantando “bella ciao” e “nel blu dipinto di blu”, tra una barzelletta e un bans in men che non si dica si ritrovano su una poltroncina di un dentista croato a fare una IMPIALLACCIATURA DENTALE a 300 euro!

Turismo dentale - Pagina BulgariaSì, perché su un sito mi viene spiegato che oltre alle corone a 200 euro e gli impianti a 600, posso trovare anche le impiallacciature dentali a 300…
Guarda, te lo dico col cuore…Se devi fare una impiallacciatura, è meglio se vai in Bulgaria…su quella nella mia clinica non riesco proprio a farti un buon prezzo.
In più non mi vengono nemmeno tanto bene…sarà che non sono un falegname, perché Wikipedia mi dice che

“L’impiallacciatura è un’operazione che viene eseguita in falegnameria e consiste nel ricoprire un legname non pregiato od un pannello con un sottilissimo tranciato di legno detto piallaccio”.

 

Vabbè, senti, noi utilizziamo solo protesi metal-free, senza metallo. Io di corone in metallo-resina, metallo-ceramica e quant’altro non voglio nemmeno parlare…Tantomeno in legno-piallaccio…

Battute a parte, pare che anche nelle cliniche low cost dell’est Europa si utilizzino tecnologie all’avanguardia. Su questo non mi posso pronunciare, ma non ho difficoltà a credere che ormai anche una clinica low cost possa e debba optare per soluzioni prive di metallo. Anche perché non credo che in queste cliniche si utilizzino necessariamente materiali scadenti. Loro hanno solo un minor costo di tutto, dalla manodopera ai materiali.
Pensa che ho avuto pazienti che mi hanno detto di aver speso 1200 euro per una intera riabilitazione di un’arcata su propri denti…Io spendo il QUADRUPLO di quella cifra solo di odontotecnico…Non mi chiedere cosa ci sia dietro questa differenza di costi perché non lo so!

Ma se operano sui grandi numeri e hanno costi alla base più bassi, ci sta benissimo che ti facciano pagare meno una prestazione: è la legge del low cost!
Io non credo che il discorso sia se il lavoro sarà fatto con materiali scadenti o da un dentista senza esperienza…Voglio sperare che esista un’etica anche in questa realtà e probabilmente i centri più rinomati e sponsorizzati saranno anche ben organizzati e offriranno un servizio convincente.

Io voglio far riflettere su una cosa, la più importante. NESSUNA TERAPIA ODONTOIATRICA PUO’ ESSERE EFFETTUATA IN UNA SETTIMANA!!!

O meglio, se devi fare qualche otturazione e magari una o due corone e il tecnico si dà una mossa magari te la scampi…

Però non so quanti vadano a in Croazia a farsi 2 otturazioni…Sinceramente il gioco non vale la candela.

In genere il turismo dentale si effettua per risparmiare sulle grosse riabilitazioni.

Però non riesco a capire come in queste cliniche, che non sono tanto più grandi della mia, riescano in un giorno a infornare una trentina di persone stanche da un viaggio in pullman, effettuare un’attenta visita, una diagnosi e un piano di riabilitazione e riuscire in una settimana a curarle tutte e 30 (non credo che uno si faccia un viaggio così e poi ci pensi un attimino come fanno tanti miei pazienti dopo la prima visita…ti sei fatto centinaia di km per arrivare lì, vorrai mica tornare una seconda volta?!).

Quindi in una settimana devono curare 30 nuovi pazienti con terapie che loro a priori non potevano sapere quali fossero…ci saranno lavori più complessi e altri meno, no? O solo io ho piani di cura da 2 anni di terapie e altri da un mese? No, lì si fa tutto in una settimana…

E se serve una terapia ortodontica prima di eseguire una riabilitazione? Se serve un intervento chirurgico per ottimizzare l’estetica di un sorriso o per poter salvare un dente? Se si devono devitalizzare o ritrattare più denti? Se bisogna togliere un dente e attendere la guarigione per poter mettere un impianto? Una settimana.

Non conosco appieno l’organizzazione di queste gite, ma credo ci sia qualche metodo per andare più volte, almeno un paio, perché altrimenti certe terapie non so veramente come possano essere eseguite.

Però ti dico cosa sospetto che venga fatto, e parlo perché delle persone che si sono curate coi viaggi dentali le ho visitate e ricurate, e come me lo hanno fatto tanti colleghi con cui mi sono confrontato.

Da me arrivano solo persone che col turismo dentale hanno fatto:

  • una riabilitazione tutta unita in metallo-ceramica di una intera arcata su denti che sono stati rimpiccioliti così come erano al momento della visita, perché sicuramente in una settimana non c’è il tempo per trattare tutti i pilastri protesici della riabilitazione. Infezioni, carie, vecchie ricostruzioni? Non c’è tempo! Abbiamo una settimana! Rimpicciolisci tutto e schiaffa su una protesi fatta di corsa dall’odontotecnico (il mio laboratorio si lamenta ogni volta perché dall’impronta alla PROVA di un lavoro complesso non gli lascio 3 settimane di tempo per preparare tutto!!!!). Poi si cementa tutto e….ops! Tocca di più da un lato che dall’altro! No, problem! 5 minuti li abbiamo ancora prima che il pullman riparta! Una veloce fresata che porta a vista il metallo sapientemente ricoperto da una nobilissima ceramica, tutta impiallacciata et voilà! Scalda la voce che si parte con “acqua azzurra, acqua chiara”!

 

  • una riabilitazione a carico immediato di una intera arcata su impianti. Qua i tempi ci sarebbero anche per arrivare a mettere una protesi (in genere quella che da noi è una protesi provvisoria), perché anche da noi gli interventi di questo tipo si fanno in un giorno solo. Però qui mi preoccupa un’altra cosa. Siccome questa è l’unica prestazione fattibile seguendo le regole della letteratura scientifica in un giorno, non sarà che al dentista croato o bulgaro venga un po’ voglia di togliere denti sani perché così è più facile?

Turismo dentale - Occhio!OOOOOCCHIOOOOOOOO!!!!!

In questa cosa non bisogna lasciarsi prendere la mano neanche in Italia e ne parleremo di sicuro in un articolo apposito. Se si può i denti vanno salvati! Però l’appeal di risolvere tutti i propri problemi dentali presenti e futuri con una splendida protesi su 4 o 6 impianti alletta tutti, se il dentista ti porta a pensare che sarà così…ma il discorso qui è molto più ampio. Sappi solo che ammesso e non concesso che tu sia un candidato a questo tipo di intervento, in una settimana ti prepareranno, credo, una protesi avvitata in resina, che noi in studio non garantiamo più di 4 mesi. Poi siccome devono evitare di avere troppi insuccessi, sicuramente faranno una protesi un po’ più robusta e definitiva, ma preparata quando i tessuti non sono ancora guariti e senza aver avuto modo di provare la masticazione, la pronuncia delle parole, l’estetica e tante altre cose che richiedono qualche mese. Da noi si fa l’intervento in un giorno, ma con un percorso di preparazione all’intervento che può anche essere di due mesi se in una arcata va fatto un lavoro del genere ma nell’altra ci sono denti affetti da malattia parodontale! Poi si progetta la protesi, si mette un provvisorio il giorno dell’intervento, una settimana dopo si tolgono i punti, si fanno dei controlli mensili e dopo qualche mese si prepara una protesi definitiva con altri materiali ben più nobili e facendo tesoro delle informazioni che ci ha dato la protesi provvisoria…infine, ci si adatta ai tessuti dopo una guarigione completa, con tutti gli assestamenti che in genere avvengono.

  • una riabilitazione con impianto di un dente singolo che in genere viene fatta con carico immediato. Il problema è che non sempre si può caricare subito un dente, dipende da tante cose…in particolar modo se il dente da sostituire è ancora da estrarre, perché spesso in questi casi ci sono infezioni ossee, impossibilità di avvitare in modo stabile una vite per poterla caricare subito e tanti altri parametri da considerare.

STOP!

Non ci sono altre riabilitazioni complesse che si possano fare in una settimana.

Stiamo parlando di rispettare tempi BIOLOGICI di guarigione dei denti e dei tessuti, di effettuare VALUTAZIONI FUNZIONALI ED ESTETICHE, di ESEGUIRE TUTTE LE CURE PREVENTIVE per garantire la durata del lavoro, di CURARE ANCHE LE GENGIVE E L’ASPETTO ESTETICO delle riabilitazioni e tanti altri parametri. Una settimana non basta a fare nulla!

E pensa che assieme a te c’erano altre 30 persone sul pullman e non credo che quella settimana la clinica low cost si dedicherà solo ai tuoi compagni di gita! Il giorno dopo di pullman ne arriverà un altro! E dovranno trovare il tempo di curare in una settimana anche quei 30!
Ok, in queste cliniche lavorano decine di dentisti qualificati e quello che vuoi. Ma anche da me lavorano 8 dentisti e 6 igienisti, ho 12 poltrone, ed effettuiamo 200 visite al mese…Ma ogni paziente ha terapie che impieghiamo almeno 3-6 mesi a completare! Non di rado anche 1 o 2 anni!
Ora se io chiedo 24000 euro in un anno e loro ne chiedono 12000 in una settimana ti faccio due valutazioni:

  • alla faccia del low cost! Il loro prezzo orario è estremamente superiore al nostro!
  • credi davvero che le cure avranno la stessa qualità? Sii sincero con te stesso!

Lo ammetto, se io non avessi migliaia di pazienti potrei ottimizzare meglio gli appuntamenti e metterci un po’ meno a finire il singolo caso…ma ragazzi, non è che nelle cliniche low cost curino solo te e il tuo caso eh? Lì per macinare fatturati (si spera che siano FATTURATI! Se no un po’ del low cost arriva anche da lì…) devono andare a catena di montaggio!

La cosa che mi è rimasta più impressa dei servizi di Striscia era il momento in cui un ODONTOTECNICO (non un dentista) dell’est Europa spiegava all’inviato del tg satirico che i dentisti italiani mettono degli inutili provvisori in resina per tanto tempo per fare in modo che in quel tempo vengano fuori i problemi ai denti!!!!! Ma stiamo scherzando?
Il provvisorio lo metto per non fare andare in giro senza denti il paziente a cui devo effettuare più terapie per ogni elemento dentale che andrà protesizzato, per avere una riabilitazione che poggi su pilastri sani, per guidare la guarigione delle gengive per estetica e per poter prendere una impronta più precisa, per provare la forma e la funzione dei denti che poi metteremo definitivamente con altri materiali, per offrire, insomma, una

odontoiatria di eccellenza basata sulla evidenza scientifica!

 

Credo di essermi dilungato fin troppo su questo argomento.

Prima di concludere ti dico che solo negli ultimi due anni ho visto:

  • un turista dentale che aveva una dozzina di impianti nell’arcata inferiore che non sentiva più la sensibilità al labbro sia a destra che a sinistra perché diversi impianti erano posizionati all’interno del nervo che decorre nella mandibola. Il signore, caduto in depressione è rimasto senza caricare gli impianti per due anni e quindi senza nulla in bocca…e tieni presente che pare che le cause legali intentate in altri paesi sia meglio non iniziarle nemmeno…
  • un ragazzo andato in croazia ad accompagnare lo zio per turismo dentale “braccato” dall’entourage della clinica dentale per mettere un impianto estraendo un dente e presentatosi da me una settimana dopo con un male cane per una infezione sull’impianto che abbiamo dovuto rimuovere in urgenza
  • una ragazza giovane con due impianti nel nervo inferiore che, di nuovo, non sentiva più il labbro…
  • per non parlare delle visite di pazienti albanesi e rumeni che i lavori grandi li fanno nel loro paese perché costa meno (e questo non è propriamente turismo dentale ma opportunità dentale, visto che queste persone al loro paese ci tornano per necessità diverse volte all’anno). Questi pazienti li rivedo a volte dopo qualche anno o a controlli periodici potendo ammirare la sapienza e l’arte con cui vengono confezionate quelle riabilitazioni meno care…in molti casi quelle riabilitazioni le rifacciamo su richiesta del paziente estremamente pentito della scelta fatta…

Sicuramente ho esagerato nel fare del catastrofismo, ma ti parlo del fenomeno del turismo dentale come lo posso inquadrare e vivere io, con gli stessi “sentiti dire” tuoi, ma con l’esperienza e la conoscenza tecnica della materia e con le testimonianze dei casi di pazienti curatisi nell’est Europa e arrivati da noi perché insoddisfatti.
Sicuramente non giungono alla mia attenzione i pazienti soddisfatti, che saranno la maggioranza. Il problema è che so che il paziente è in grado di giudicare solo se:

  • ha avuto male durante o dopo le cure
  • lo studio è pulito e moderno
  • il dottore ispira fiducia o sembra sapere il fatto suo
  • riesce a masticare dopo la riabilitazione
  • esteticamente il lavoro è adeguato alle sue aspettative (che di solito sono molto più basse delle mie)
  • ha speso tanto o poco

IL PAZIENTE NON SA VALUTARE LA QUALITA’ DELLE RIABILITAZIONI EFFETTUATE NELLA SUA BOCCA!!!

Purtroppo tutti i parametri tecnici il paziente non è in grado di valutarli. Quindi se il lavoro funziona per più anni sarà soddisfatto. Ma non è affatto detto che quel lavoro sia di eccellenza, che non ci siano problemi anche infettivi asintomatici sotto quella riabilitazione e che sia il lavoro migliore che si potesse fare. Magari sono stati tolti o rimpiccioliti denti che non lo richiedevano o, cosa classica, non è stata assolutamente considerata la malattia parodontale, che affligge moltissimi pazienti adulti, e che è alla base del fallimento di moltissime riabilitazioni, sia su denti sia su impianti! E che solo per essere inquadrata come ci dicono le linee guida, richiede una terapia iniziale che dura almeno un mese…

UNA SETTIMANA E’ UN TEMPO INADEGUATO A CURARE LA BOCCA COME SI DEVE! PUNTO!

E ricorda che le terapie del dentista necessitano di manutenzione periodica e se per quella vai da un odontoiatra italiano non solo rischi di venire a scoprire anzitempo se la tua one-week protesi è stata eseguita o meno a regola d’arte, ma anche che per la garanzia non puoi far conto su di lui ma devi tornare sul pulmino!

Garanzia. Concludiamo con questo. Tutte queste cliniche low cost dell’est Europa sembrano garantire da un minimo di 5 anni fino alla garanzia a vita i loro lavori, senza richiedere per questo un controllo periodico semestrale o annuale che è necessario per mantenere la salute della bocca. Abbi pazienza ma a me questa sembra una fanfaluca! Non sarà che si punta sul fatto che tanto pochissimi pazienti, che siano soddisfatti o no, torneranno per i controlli periodici o per le cure più piccole una seconda o terza volta? Perché nessuno può garantire un lavoro fatto in una settimana senza più fare un controllo o una manutenzione…anche la vettura più cara e pregiata richiede tagliandi perché la garanzia valga!

Detto questo, scegli tu se questo è il modo in cui vuoi gestire la salute della tua bocca. Di sicuro io parlo per la mia esperienza personale, che non conta forse di più di un commento di un turista dentale soddisfatto.
Io, dopo tutta questa riflessione magari il prossimo anno prima di farmi venire il dubbio e fare due giri in moto, prenoto subito il viaggio alle Maldive va’!

Nel mentre ti lascio con un video e una chicca: un mio collaboratore che, a differenza mia, i viaggi li fa senza pensarci tanto, mi ha confermato dopo essere andato in India, che lì si può spendere ancora meno che col turismo dentale low cost! E’ un segreto che ti regalo senza chiedere nulla in cambio! Facci un pensiero e buona visione! 😉

 

Stefano

 


 PRENOTA UNA VISITA PRESSO IL NOSTRO STUDIO

   

   

   

   

   

   

   


   I suoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la privacy policy
   completa per maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Iscriviti Gratis per rimanere aggiornato su tutti i nostri prossimi articoli!


I tuoi dati personali sono trattati in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la privacy policy completa per maggiori informazioni.

56 pensieri su “TUTTA LA VERITA’ SUL TURISMO DENTALE

  1. Isabela

    Ciao, ti posso parlare della clinica dove ci lavoro, e trovandomi dall’altra parte ti racconto la mia esperienza. Noi lavoriamo con un massimo di 10 persone al giorno, e abbiamo 3 dottori. Nei preventivi online scriviamo tutti i lavori che bisogna fare, includiamo gli antibiotici, anestesie, radiovisografie, scriviamo il numero di visite e i tempi nei quali vengono fatte certe cose. Spesso i pazienti chiedono se si puo’ veloccizzare, e rispondo sempre nello stesso modo- no, perche’ bisogna rispoettare i tempi fisiologici di guarigione. Loro rispondono che non vogliono aspettare cosi’ tanto, oppure che vogliono risparmiare un viaggio, e preferiscono andare in una clinica che promettera’ di tutto per attirare un paziente e farlo venire, anche se in quel modo non fa’ cio’ che e’ meglio per la salute della persona. I dentisti bravi e quelli meno bravi ce ne sono da per tutto. Un primo viaggio gratuito, non e’ il motivo per scegliere una clnica. Bisogna informarsi sui materiali, sui certificati che rilascia (o meno) la clinica, ed essere sicuro che il dottore che fa i lavori, si puo’ dedicare ad ogni singola persona, prendendo in considerazione le necessita’, le paure e altre situazioni nelle quali possono trovarsi i pazienti. Grazie dell’ascolto!

  2. Nadia

    Ciao,
    oggigiorno non è più il problema se scegliere la Croazia o l’Italia per andare dal dentista, come invece dove posso trovare un dentista veramente bravo che non mi derubi. Sia in Italia sia in Croazia ci sono dentisti bravi e quelli meno bravi. Se guardi solo il prezzo può sempre succedere che la qualità sia scarsa, se vai da un dentista che è conosciuto come bravo di solito i prezzi sono più alti. Quindi come scegliere dove andare per essere veramente contento/a?

    Vi dico sinceramente, io lavoro nel settore dentistico della Croazia già da diversi anni. Ho lavorato nelle grandi cliniche “rinomate” e ancora lavoro nel settore però ho deciso di scegliere per chi lavorare cosi posso essere sicura che i pazienti con i quali sono in contatto siano veramente contenti del servizio e della cura. Tanti dentisti si sono dimenticati che per la prima cosa devono essere medici e concentrarsi sulla salute del paziente e non della propria tasca. Quando uno si reca nelle grandi cliniche in Croazia o nelle cliniche low cost in Italia il principale problema è che le cliniche sono state fondate da un dentista più o meno bravo che ha creato un nome, aprendo la clinica in proprio diventa grande “capo” e la maggior parte dei pazienti li lascia nelle mani dei dottori senza esperienza e lui/lei fa solo le prime visite. Il paziente ogni volta che viene passa da una mano ad altra e diventa solo un numero.

    Per evitare una cosa del genere vi consiglio di informarvi bene dove andate, non solo del prezzo ma anche della qualità dei materiali, della esperienza del dottore, sulle garanzie dei lavori, chiedete di vedere i lavori prima e dopo della situazione simile alla vostra. Insomma, INFORMATEVI!

    Non credete sempre ai preventivi online dove l’unica cosa che si può vedere e il prezzo il quale nel maggiore dei casi non è il prezzo finale. Con la concorrenza sempre più ampia scrivono di tutto sui preventivi solo per riuscire a convincervi di andare da loro. Questo capita sia in Italia sia in Croazia.

    Se avete bisogno di consigli e di aiuto sulla scelta dove andare non esitate di contattarmi! Si, il mio lavoro e trovare nuovi pazienti, si io ricevo la paga per questo ma comunque voglio avere la coscienza pulita e un cliente contento. Per poter trovare nuovi clienti i vecchi devono essere contenti. La mia mail è vogliosorriderecroazia@gmail.com

      1. Nadia

        Ciao cara Daniela,

        come ho già scritto nel mio commento io ti consiglio di scegliere uno studio piccolo dove un dottore segue la terapia dall’inizio alla fine. Io lavoro per la clinica http://www.dentistacroazia4smile.it
        Però se hai gia un idea dove andare, o ti servono consigli puoi contattarmi sulla mia mail vogliosorriderecroazia@gmail.com
        Senza impegni, voglio che i pazienti i quali vengono in Croazia siano soddisfatti, solo cosi il mio lavoro potrà continuare 🙂

  3. Anonimo

    Buongiorno, sono un odontoiatra napoletano di 46 anni ; esercito da una ventina d anni circa e mi occupo soprattutto di implantologia . Detto ciò, anch’io, come molti colleghi , mi imbatto in pazienti che vogliono andare all’ estero per curarsi e a volte mi chiedono ” consiglio”. Puntualmente dico loro :” se ci credete davvero, andateci “. 1) un piano di trattamento protesico richiede diverse sedute , quindi settimane o mesi. 2) il controllo a distanza di tempo è fondamentale per L ottenimento del successo e per la durata del manufatto protesico. 3) i pazienti che pensano di NON essere umani e che possono essere trattati come ” pezzi meccanici ” sono in male informati ed in malafede a prescindere .4) se al dentista si pagano per esempio 1.000€ , ciò non significa che il dentista li mette interamente in tasca ; togliete i costi, il pagamento delle tasse ( ALTISSIME come per tutti i settori italiani ) e al professionista forse rimarranno netti 400-450€ € di guadagno . Dividete la cifra netta per le sedute effettuate e …. al dentista gli entrano in saccoccia forse un centinaio di euro per volta ( provate a pensare in ore lavorative ) .5) se un professionista , dopo aver studiato, dopo aver investito le proprie sostanze ( SOLDI) nel proprio studio , dopo essersi costruito una clientela negli anni , ecc ecc DEVE giustificare il proprio guadagno o DEVE SPIEGARE al paziente cosa significa andare all estero in termini di insuccesso allora vuol dire che perdiamo solo tempo. 6) molti pazienti dicono :” fatemi lo stesso lavoro che avete fatto a : mia sorella, mio zio , mio cugino , ecc. Risposta : ma siete due persone identiche dal punto di vista fisiopatologico ? Biologico? Funzionale? Le cure odontoiatriche al pari di tutte le altre sono Soggettive . Fortunati quelli che lo capiscono . Saluti

  4. Stefano

    Io da italiano residente in Croazia posso dire che ho vissuto in entrambi i paesi.

    I croati non vengono in Italia a farsi fare i denti ma non vanno dove ci vanno i turisti italiani.

    La Croazia è un paese di alto livello come l’Italia

    Se volete dei consigli sinceri dove andare scrivetemi a rizzo.ste112@hotmail.com

  5. Sabrina

    Una delle questioni principali, cari visitatori di questo blog interessante e di grande attualità, per chi come me ha parrechi problemi con la salute dentale, è la seguente: semplicemente è bene ricordare che finché i costi delle cure dentali.in Italia saranno cosi alti, alcuni di noi che non abbiamo una adeguata disponibilità economica, saremo costretti a cercare le soluzioni alternative. Chi può farsi le vacanze alle Maldive credo possa anche farsi curare i denti in Italia. Ma non è così per tutti. Vorrei poi esporre un’altra problematica a mio avviso seria ed importante: in italia ci sono molti dentisti che prestsno il loro servizio illegalmente (in questo caso i pazienti corrono i rischi anche maggiori se li capita di curarsi dai falsi dottori) e anche in Italia di recente stanno insorgendo molte cliniche odontoiatriche low cost. Mi chiedo come mai? Inoltre, immagino che un dentista (in base alla statistiche) che si trova a dover riparare sui pazienti i danni fatti in Croazia potrebbe parlare anche dei danni che si trova a dover riparare sul resto dei suoi pazienti che quindi per deduzione saranno pazienti curati precedentemente dai suoi colleghi in italia. A me è capitata una situazioni simile ovvero che mi trovo con dei denti mal curati da parte dei dentisti italiani e quelli esteri, nel mio caso sloveni. La scelta diventa veramente difficile persino quando uno non ha difficoltà economiche.

  6. piera

    buongiorno. ho letto tutta la discussione e mi complimento con Lei per la franchezza. Vedo che sa perfettamente quale sia il motivo di tanto sconcerto da parte dei pazienti italiani, nei confronti di molti suoi colleghi. Anch’io ho frequentato molto, risultato, 59 anni, arcata superiore che sta collassandio. Ho due preventivi di dentisti, uno in Italia e uno in Croazia (centrodent) che prevedono una protesi su quattro impianti. Mi piacerebbe avere un Suo parere in merito alla reale situazione come da panoramica. Grazie

    1. mrodonto Autore dell'articolo

      Grazie, Piera, visualizzerò al più presto la sua panoramica, anche se solo la tac unitamente a un esame clinico ci dicono qualcosa di certo sugli spessori ossei a disposizione…

    2. Alex

      Bungiorno, ci faccia sapere poi, se sceglie l’Italia o Centrodent in Croazia, ho inviato proprio ieri la mia lastra a lo studio che dice lei, mi hanno contattato tramite telefono e fatto domande, riguardanti anche la mia salute, prima di inviarmi il preventivo. Speriamo bene

  7. Sofia

    Ciao a tutti,io ci sono stata in Croazia dal dentista, più precisamente a Fiume, e mi sono trovata benissimo, sia dal punto di vista umano, che economico, si risparmia sicuramente!
    Io ero scettica, però quando ho visto il centro, lo studio, la reception, la sala d’aspetto, la dottoressa, beh tutto pizzicato, pulito in ordine e nuovissiomo!

    1. Diego

      Ciao Sofia, anch’io sono stato in Croazia dal dentista, a Fiume. La clinica si chiama Centrodent, ho chiamato il numero verde e ho preso appuntamento per una prima visita. il šreventivo che mi ha fatto la dottoressa era in termini di prezzo normale e ho deciso di iniziare subito con i lavori. Ho fatto 2 sedute, fra qualche giorno vado per la terza. http://www.centrodent.it/tu-al-centro/la-nostra-storia/

    2. Mariangela

      Ciao Sofia, io volevo andarci in Croazia poi ho trovato più convenienza su uno Studio dentistico di Belgrado. I prezzi sono più bassi e la qualità è la stessa. Avevo la carie sotto i ponti, me li hanno tagliati e messi degli altri nuovi in ceramica. Un lavoro perfetto. Personale molto gentile e professionale. Il viaggio in aereo e il soggiorno in hotel è stato compreso e parlano italiano. Ho risparmiato parecchio. In Italia con quello che ho avuto io mi avrebbero dissanguata :). Ho sempre tardato perché i preventivi fatti nella mia zona erano esageratamente cari. Poi mi sono decisa. Il sito si trova subito su Google. https://sites.google.com/site/radlovackistudio/

      1. Ambra

        Ciao Mariangela, un solo dettaglio- la Croazia fa parte dell’unione europea e la le legislative uguali al resto dell’europa (materiali sterilizzazione, licenze e altro come in Italia). Belgrado ha uno standard piu’ basso sia della qualita’ dei materiali che delle leggi che proteggono i clienti nel caso qualcosa dovesse andare storto. Non guardate solo il prezzo!!!

      2. maddalena

        Ciao Mariangela ho letto il tuo commento, volevo sapere per cortesia, come é andata, anch’io devo fare un lavoro non indifferente ,ma ci sono troppe cliniche chi parla bene chi male, io avrei bisogno di un consiglio sincero, grazie,

        1. Anonimo

          Il post nasceva per far capire i limiti del turismo odontoiatrico ma pare che sia diventato un luogo dove chiedere consigli su dove andare e per sponsorizzare il fenomeno! 🤔 Forse non sono stato convincente…😅

      1. Sofia

        Ciao Liliana, ho fatto gli impianti dentali, insomma una piccola operazione chirurgica. Sono dovuta andarci 3 volte, ma per una giornata. Ho messo 4 impianti e 6 corone in ceramica. All’inizio avevo paura perché non sapevo cosa aspettarmi. Poi appena sono entrata in clinica, mi sono traquillzata!

  8. Claudio Statuti

    Vorrei ringraziare innanzitutto per aver dato vita a questo dibattito aperto che fa luce almeno in parte sul problema odontoiatrico economico/sanitario. Spesso si tratta di pensionati che non hanno la possibilità di permettersi un finanziamento per due ragioni: la prima perché il proprio reddito non permetterebbe rate sostanziose ed il secondo è che è estremamente difficile trovare una società finanziaria disposta ad prestito equo causa età (parlo di ultrasettantenni). A questo punto la soluzione offerta all’estero non è un piacevole diversivo ma una sorta di “dirottamento” indispensabile, spesso loro malgrado. Vivo a Roma e vorrei inviarvi della documentazione radiologica/fotografica per un vostro parere, grazie.

    1. mrodonto Autore dell'articolo

      Invii pure la documentazione all’indirizzo info@studiosalzanotirone.it alla attenzione del dott. Salzano. Grazie per la puntuale osservazione. Di certo le variabili in gioco sono molte. I limiti della gestione politica italiana possono essere un fattore importante, ma per esempio ignoro se il fenomeno del turismo dentale sia solo italiano o se le strutture sanitarie dell’est Europa attingano anche da altri bacini di utenza. Di sicuro il turismo dentale non è per forza un male da demonizzare, ma una realtà su cui essere più informati possibile, in modo da prendere le proprie decisioni in modo consapevole, che è poi il fine di questo blog.

  9. Giuseppe Bovolenta

    a dire il vero io sono stato abituato a vedere molte cose nel mondo visto i viaggi che ho fatto intorno ad esso. ma non mi sono mai chiesto il motivo di tanta velocità nel mettere denti o dentiere più o meno fisse . ho riflettuto a lungo e ora vorrei saperne di più
    vorrei sapere più o meno quello che dovrei spendere per un impianto totale per mia moglie. sopra porta la dentiera o protesi credo che suoni meglio, sotto glie ne mancano diversi . aspetto notizie.
    di certo non devo fare un viaggio in pulmino per andare anch’io a far il turista dentale
    grazie

    1. mrodonto Autore dell'articolo

      Giuseppe, non ho capito se mi stai chiedendo un preventivo, perchè di sicuro non si può fare un preventivo senza un esame clinico e radiografico. Forse però ho capito male e parlavi in generale del percorso che stai facendo…

  10. Gerardo

    Salve a tutti, discussione molto interessante.
    Ferrari a parte, si può dare vita ad un sistema ben organizzato e professionale che abbatte i super costi delle cure della bocca?
    Io pensi di sì e sto lavorando in tal senso.
    Sono pugliese e mi piacerebbe discutere seriamente con professionisti del settore interessati.

    1. mrodonto Autore dell'articolo

      Io anche credo che si potrebbe ma non c’è interesse. Nè da parte dei dentisti nè da parte delle aziende che forniscono materiali. Io voglio lavorare col massimo della qualità e delle tecnologie e in Italia per abbattere i costi devi accettare tanti compromessi…compreso quello di limare il proprio utile…

  11. Agentediturismodentalecroazia

    Ciao! Vivo a Zagabria e mi occupo di turismo dentale da 5 anni… Vorrei darvi alcuni consigli sulla scelta della clinica in Croazia a cui affiderete le vostre cure dentali:
    Consiglio nr.1: Andate in un posto “piccolo” e lasciate perdere le “mega cliniche” modello catena di montaggio…troverete certamente una maggiore attenzione verso il cliente e un maggiore approccio individuale…
    Consiglio nr.2: Assicuratevi che la gente del posto vada in questa clinica….se alla reception della clinica che avete scelto siete tutti italiani e ZERO CROATI…chiedetevi il perche’….ve lo dico io il perche’….i croati STANNO ALLA LARGA da questi posti….(e sono “balle” quando vi dicono che non ci sono croati perche’ i croati non hanno soldi…..) Cercate una clinica dove l’80% della clientela sia croata.
    Consiglio nr.3: La prima visita e’ molto importante…e una “BUONA PRIMA VISITA” necessita di ALMENO MEZZORA….lasciate perdere nel caso in cui in 5 minuti vi guardano e vi fanno preventivo in altri 5 minuti….
    Consiglio nr.4: Nel caso di impiantologia chiedete sempre la marca degli impianti….sul mercato ce ne sono veramente tante di marche…queste 3 marche sono di altissima qualita’, direi le migliori….Astra Tech-Nobel-Straumann .
    Informatevi sulle esperienze del chirurgo che effettuera’ l’impiantologia.
    Consiglio nr.5: Non scegliete la clinica in base al sito internet…ovvero…sito internet bello=lavoro di qualita’, sito internet mediocre=lavoro mediocre ***SBAGLIATO***
    Ci sono cliniche croate con siti internet discutibili ma che lavorano molto bene!
    Consiglio nr.6: Chiedete sempre un preventivo scritto prima dell’inizio dei lavori e a fine lavori un certificato di garanzia dei materiali utilizzati e per quanto riguarda l’impiantologia il “passaporto degli impianti”.
    Consiglio nr.7: Informatevi sempre sull’esperienza dei dentisti che operano nella clinica croata scelta, se hanno ricevuto premi o riconoscimenti e soprattutto se sono abilitati a fare impiantologia…
    Consiglio nr.8: Chiedete quali sistemi di sterilizzazione vengono utilizzati
    Questi consigli rappresentano solamente una parte di cio’ a cui bisogna prestare attenzione!
    Detto questo, ognuno di voi puo’ iniziare a selezionare le cliniche in Croazia!
    Buona ricerca! 🙂
    Per qualunque dubbio o informazione potete scrivermi una mail a
    agentediturismodentalecroazia@gmail.com

    1. mrodonto Autore dell'articolo

      Sembrano consigli saggi per chi volesse andare…io rimango dell’idea che non abbia senso fare quei km per cure importanti che poi vanno controllate semestralmente per essere garantite…

  12. Matteo

    Ho ricevuto ieri un preventivo di 4000 ovviamente black per 6 provvisori immediati + 6 corone zirconio ceramica dal mio dentista.
    Ho poi chiesto a mio cugino figlio di odontotecnico e dentista appena laureato di farmi un preventivo dal dottore presso cui collabora a Torino ed il prezzo è sceso a 3300€ ovviamente black.
    I pochi dentisti che ho avuto modo di conoscere bene (5-6 in tutto) fanno solo black o perlomeno lo propongono sempre in alternativa allo sconto.

    Vedo che in croazia il prezzo per una corona in zirconio è di 260€, avendone io bisogno di 2 il totale va a 520€. Non ho idea di quanto possano costare i due viaggi in pulmino con relativi soggiorni ma secondo me con poco più di 1000€ dovrei riuscire a fare il tutto.

    Secondo me il gioco dovrebbe valere la pena anche perchè io ho già due protesi in metallo ceramica vecchie di 19 anni e le rifaccio solo per migliorare esteticamente.
    Quindi i dentisti croati non dovrebbero intevenire più di tanto sulla mia bocca.

    Mi farebbe piacere ricevere qualche commento disinteressato.

    Grazie

    1. mrodonto Autore dell'articolo

      I prezzi che ti hanno fatto sono prezzi normali in Italia. Forse il collega che fa 4000 non sconta tanto quanto il secondo quando fa il black, a tutto vantaggio suo. Quel che non mi torna è che parli di 6 corone e 6 provvisori in italia e poi dici che in croazia andresti a fare solo 2 corone…niente provvisorio e sparite 4 corone. Allora, faccio due riflessioni. Una di carattere estetico e tecnico. Se sotto quei denti hai perni scuri o devitalizzazioni a meno che non siano pefette, e non lo sono praticamente mai, prima di fare un nuovo lavoro bisogna anche curare i denti sottostanti. Ma siccome non mi hai parlato di cure dentali ne deduco che sotto i denti siano perfetti e che li abbiano incapsulati per nulla? Mi nanca qualche dato…altra osservazione estetica è che non so se parli di corone nel settore anteriore. Lì i nuovi materiali danno una marcia in più se sai come utilizzarli e se valuti tutti i parametri, compresi la salute delle gengive e lo stato e il colore dei pilastri dentali sottostanti, che possono inficiare il risultato finale. La seconda valutazione è di carattere etico. Io auspicherei che chi continua a fare il black si riceva una segnalazione alla guardia di finanza e una bella visitina visto che di solito si tratta di professionisti che non sanno gestire uno studio dentistico e se non fanno il nero danno il giro perché è l’unico modo in cui riescono ad arricchirsi. Inoltre gazie a loro paghiamo tutti quanti più tasse. Quindi il consiglio è a priori di boicottare tutti i dentisti che lavorano in nero ad unico vantaggio loro. Il secondo consiglio è:se ti interessa un’estetica di livello l’analisi del caso deve essere più completa e rigorosa che il calcolo di quante corone ti servono. I casi estetici vanno affrontati in una certa maniera. Se non hai esigenze particolari quindi, vada per la Croazia. Se vuoi il top affidati a un professionista esperto di estetica e non esperto di nero. Essendo tu a Torino, per la prima volta nel blog ti invito a fare una visita e una valutazione da noi assolutamente gratuita, in cui magari avremo modo di scambiare due chiacchiere sulla Croazia e aul tuo caso! Ciao!

  13. Armando

    Salve, quasi tutta la vita ho problemi con i denti. Il dentista in Italia me li voleva togliere tutti. Ero disperato. Poi un mio amico mi ha consigliato di andare dal dentista in Croazia Centrodent, lui era molto soddisfatto. Ero un po scettico pero’ non avevo tanta scelta, potevo o chiedere un’altra opinione o rimanere senza tutti i denti e portare la protesi mobile perche in Italia mi chiedevano 20 000€ per sistemare il mio problema.
    La prima visita e’ stata molto piacevole, tutti parlavano l’italiano, tutte bellissime giovanni donne 🙂 e in piu’ la dott.ssa Zelika e veramente un angelo. In fine mi ha salvato i miei denti, mi fatto due ponti interi in zirconio per 7000€ – gran bella differenza in soldi e la qualita’ si vede quando sorrido 🙂
    La dott.ssa Zelika e’ la mia salvatrice http://www.centrodent.it/team-view/zeljka-velnic-miculinic/

    1. mrodonto Autore dell'articolo

      Ciao! Io ti auguro davvero che il lavoro duri e sia tutto bello anche sotto il ponte e non solo la facciata. Ho già detto nell’articolo che non si può fare di tutta l’erba un fascio e non è detto che i lavori debbano essere fatti male solo perché sono stati fatti in Croazia. Ma ad oggi circolari su denti non se ne fanno più, e se sotto i pilastri erano così compromessi che diversi dentisti li volevano togliere, preparare un circolare in zirconio ceramica senza ritattare e ricostruire tutti i pilastri che lo sorreggono è un fallimento assicurato. Non dopo un mese, sia chiaro. Pur augurandoti che il lavoro duri trent’anni se tra due anni franasse tutto ti ritroverai di nuovo con preventivi da 20000 e quei 7000, che ora sembravano un affare, sembreranno soldi buttati. Un circolare non è una soluzione versatile e se anche solo uno dei pilastri fallisse, e non è difficile che capiti se la diagnosi fatta in Italia da più dentisti era giusta, il lavoro sarà tutto da rifare. Non conosco l’aspetto clinico del tuo caso per cui sto facendo considerazioni di ordine generale. Il fatto è proprio che vedere dei denti belli quando si esce dal dentista non vuol dire nulla. Se il progetto è sbagliato e i pilastri che sorreggono il lavoro sono stati trattati in fretta, o addirittura non trattati, il tuo lavoro rispecchierà in pieno tutti i parametri su cui mettevo in guardia nell’articolo! Spero di non avertela tirata, ma la bontà di un lavoro si misura a 5-10 anni. Tienici aggiornati!????

      1. Armando

        Certo che è bello sotto il ponte, prima di tutto ho fatto le cure necessarie per salvare i miei denti.

        Sulla lastra panoramica si vede che i canali dei denti sono riempiti molto bene ( la dott.ssa Zelika mi ha spiegato in dettaglio cosa ha fatto). Alcuni denti prima di venire dal dentista in Croazia Centrodent non erano curati bene, quindi la differenza sulle ortopantomografie è più che evidente.

        Dal suo modo di giudicare mette la propria professionalità in dubbio, perché subito sputtanare?
        Come puo dire che qualcuno non fa bene il suo lavoro senza vivere l’esperienza in prima persona?

        Io ho raccontato la mia esperienza, nel ruolo di paziente e apparte il lavoro dentistico, Centrodent offre un’accoglienza impeccabile che ti dimentichi di essere dal dentista.

        La dott.ssa Zelika mi ha spiegato bene riguardo la manutenzione del lavoro fatto. Senza una buona igiene orale e controlli annuali non si può dare la colpa al dentista se capita qualcosa. Questo lo dovrebbe capire anche lei se è un vero professionista.

        Il mio amico, tramite il quale ho saputo di Centrodent è venuto dalla dott.ssa Zelika nel 2009 e dopo 7 anni non smette di consigliarla.

        I veri professionisti non sputtanano i lavori degli altri per farsi valere, ma si danno valore con il proprio lavoro.

    2. Marija Zagabria

      Ciao! Sono una ragazza croata che vive a Zagabria e faccio l’insegnante di scuola superiore. Qui i dentisti costano certamente meno che in Italia, ma bisogna prestare attenzione nella scelta del dentista a cui affidare i propri problemi dentali.
      Secondo voi noi Croati andiamo nelle cliniche modello “Rident” ,“Vukic”, “Arena”, “Ars Salutaris”? Provate ad entrare in quelle cliniche e guardatevi attorno….immagino che siete tutti Italiani….e clientela croata pari a 0, chiedetevi come mai? Noi Croati non andiamo certamente in quei posti….li’ sarete solo un numero e non delle persone…..Le mie cure le affido a un dentista che lavora ancora in maniera “artigianale” e non in maniera “industriale” modello “catena di montaggio…”
      Questo dentista ha il 90% della clientela croata (gente del posto) e qualche Italiano che arriva tramite il passaparola…
      Ho tanti amici in Italia e non vorrei che qualcuno di voi incappasse ancora in questi spiacevoli imprevisti.
      Se qualcuno desidera ricevere ulteriori informazioni senza prendere fregature puo’ scrivermi al seguente indirizzo mail: maregudelj@gmail.com

  14. nicola

    Ho 55 anni , ho iniziato a 20 anni ad andare dal dentista per una piccola carie ad un molare, ho continuato a frequentare dentisti in Italia fino all’età di 47, ho speso poco più di centomila euro, ho risolto tutti i miei problemi di bocca definitivamente andando in una clinica in Croazia a 100 km da Trieste, non ho più dolori un bel sorriso e sono tranquillo, ho speso poco, ringrazio quei professionisti croati per la gentilezza cortesia e bravura. In conclusione per me i dentisti italiani piuttosto che farli girare in Ferrari li manderei a zappare cipolle, grazie di avermi concesso questo spazio. P. S. . Più della metà dei centomila euro pagati in nero cioè senza aver avuto ricevute. Tanto dovevo. ……… Nicola Lumare.

    1. mrodonto Autore dell'articolo

      Nicola, sono certo che ci siano tanti casi come il tuo…comunque 100000 euro dal dentista significa che sei proprio cascato male…rifare una bocca completamente in ceramica con impianti e ricostruzione del l’osso può costare dai 30 ai 40000 euro. Certo ci sono studi con tariffe esorbitanti e può essere che un piccolo numero di professionisti in Italia arrivo a chiedere 80-100000 euro per un lavoro del genere. Ma siccome sono pochi e spero che con cifre del genere abbiano almeno la decenzandi non lavorare in nero, non credo che tu sia incappato in uno fi questi. Comunque sei stato molto sfortunato nella tua esperienza in Italia. Sono sicuro che non sei il solo. Ma in generale, se parliamo di grandi numeri e statistiche, quanto detto nell’articolo credo corrisponda al vero. Infatti non ho detto che all’estero si facciano necessariamente porcherie. Ho solo posto l’accento su alcuni oggettivi problemi e riachi che si corre nel gestire le cure della propria bocca col turismo dentale. Grazie del commento!

  15. Renzo

    Ognuno ha storie diverse e sono testimonianze personali cho non valgonio per altri.
    Io posso dire che un impianto di vecchio tipo (5 denti finti e sono fatti con due spuntoni che entrano nel vero dente tranciato e uno è concavo che entra nel dente vero rimpicciolito ) Questo ponte di 5 denti è li da 35 anni e non si muove, alla faccia degli impianti in titanio avvitati nell’osso.
    Ora racconto di un altro impianto al titanio (tre impianti callegati fra loro): fatto circa 20 anni fa, ha incominciato a ballare gia dopo 2 anni, rimesso a posto dopo altri 2 anni stessa storia, fino a quando due anni fa mi sono rotto le scatole di andare e venire dal dentista ho detto testualmente che l’impianto vecchio era li da 35 anni e il suo ballava ogni 2 anni e sono andato su tutte le furie; Ora me lo ha risistemato in modo definitivo e pare che tenga, è passato un anno.
    Come vedete due lavori fatti in ITALIA da ddue dentisti diversi quello vecchio stile è li da 35 anni e l’altro più innovativo ballerino.
    Senza parlare poi degli errori fatti dai dentisti che riescono a coprire senza essere scoperti (per esempio: trapanare un dente, se si va oltre il dente è un dente rovinato, ma il medico si salva otturando per bene, e facendo finta di avere fatto un buon lavoro, ma dopo circa un anno o due i nodi vengono al pettine per il paziente che si troverà con una infiammazione alla gengiva e conseguente ascesso, e poi di conseguenza estrazione.
    Secondo me dipende molto dal medico che esegue i lavori (possono essere fatti bene come fatti male, così si puo dire dei meccanici, idraulici ecc. ecc., se lavorano in coscienza si ha piu probabilita che escano bene.

    1. mrodonto Autore dell'articolo

      Non posso che condividere le giuste osservazioni. Credo ci siano senz’altro bravi dentisti anche all’estero…solo non funziona l’odontoiatria col pulmino e inpiani di cura forzati a livello di progetto e di tempistiche di realizzazione per poterli ultimare in una settimana. Anche il dentista più bravo in quel lasso di tempo non può fare un lavoro corretto. Grazie per il commento Renzo!

  16. andrea

    Ho visitato cliniche Moldave e posso dire che le attrezzature e tecnologie che hanno, forse il 5% degi studi italiani lo ha.
    Naturalmente i dentisti moldavi non hanno il SUV e la 3 casa.

    1. mrodonto Autore dell'articolo

      Sulle tecnologie non stento a crederti, ma mi permetto di asserire con certezza che pochissimi piani di cura seri e complessi he prevedano la salvaguardia dei denti, e non solo la loro estirpazione per sostituirlo con 4 viti, possa essere portato a termine in una settimana e nessun italiano può avere tempo e voglia di recarsi decine di volte all’estero…ergo o si è già senza denti o si è sicuri di non avere più denti recuperabili oppure non so davvero cosa possa essere fatto di serio ed etico in una settimana. Per i prezzi non mi pronuncio perché non sono informato sui costi vivi che ci sono in questi paesi e ignoro se indentisti moldavi abbiano le porsche o le belle case. Arricchirsi onestamente e lavorando tanto e bene non è un crimine e in Italia si è sempre pronti a puntare il dito contro questo. Io reputo molto peggio per esperienza vissuta l’incapacità diagnostica e terapeutica he si riscontra spesso negli ospedali, dove a partire dai pronto soccorso è tutto un marasma di sprechi e disorganizzazione uniti a incompetenza che deve veramente far sperare di restare a lungo in buona salute. A livello privato il servizio che danno studi come il mio e molti altri valgono tutta la differenza di costo che il paziente deve affrontare. Poi chiunque e liberissimo di pensarla
      come vuole. Io preferisco vedere un medico su una Ferrari e avere terapie eccellenti piuttosto che il contrario.
      Stefano

      1. David

        mrodonto credo tu abbia ragione in tutto ciò che hai scritto ( e devo aggiungere anche i miei complimenti per l’efficacia comunicativa 🙂 veramente bello il video ) solo una cosa lascia che te la dica : quando dici “Io preferisco vedere un medico su una Ferrari e avere terapie eccellenti piuttosto che il contrario ” tralasci la pletora di persone che NON si può permettere i servizi ai vostri prezzi ( quelli con cui vi pagate poi la Ferrari ). In altri termini : la Ferrari non è una colpa morale ma un bene che sempre più italiani non si possono permettere di pagarvi . Non lo dico in chiave polemica : evidenzio solo un problema reale. Un saluto e grazie, il tuo blog mi è stato utile. Davvero.

        1. mrodonto Autore dell'articolo

          Caro David, grazie dei complimenti. Riguardo ai costi delle cure ti dico la mia. In seguito a una colica renale che mi sono beccato tre mesi fa ho avuto modo di entrare nella trafila pronto soccorso, accertamenti, visite post colica…ho perso decine e decine di ore rimbalzato tra 5-6 medici nessuno dei quali è riuscito ad identificare se il calcolo ci fosse o meno…la cosa si è risolta all’italiana maniera con la conoscenza di colleghi medici che mi hanno indirizzato da un urologo (sì perché dopo due giornate passate al pronto e una evenienza di ricovero ventilata ma poi smentita non mi aveva ancora visitato um urologo). Ecco, in questa settimana di tregenda ho realizzato quanto il servizio che viene mediamente fornito da uno studio dentistico privato valga tutta la spesa che si affronta (parlo dei costi medi). Appuntamenti precisi, poca attesa (salvo ritardi di 30-45 min che ogni tanto accadono) servizio di qualità e in certe strutture altissima reperibilità, con orari che comprendono le ore di pausa pranzo e sabati, domeniche e festivi (anche se questa non è assolutamente la regola. Le spese somo moltissime e, se come accade nella mia struttura, si fattura tutto, il salasso dello Stato fa sì che spesso il dentista, come tante altre professioni, reagisca con un innalzamento dei prezzi…ma una buona fetta di colpa è dello Stato e non del dentista in sè! Spesso poi il tenore di vita elevato viene mantenuto coi profitti derivanti dal nero, e semmai questo mi infastidisce parecchio, ma non la macchinona in sè, se questa deriva da una attività florida e da un numero di pazienti elevato dettato dall’abilità del professionista! Meritocrazia, punto. I materialo costano molto e strutture grandi con tante dipendenti non possono tenere prezzi chenrischino qualche mese di non riuscire a pagare i dipendenti. Ripeto, la colpa è in gran parte del sistema che a partire dai fornitori ad arrivare allo Stato impediscono di tenere prezzi che non offrano un ragionevole margine al professionista. Di certo capisco che le cifre che richiedenla cura della bocca per tante persone sono veramente difficili da sostenere. Spiace che non ci sia un adeguato servizio pubblico in questo senso e di nuovo la colpa è dello Stato. Ciao!

        1. mrodonto Autore dell'articolo

          Stefano, credimi, capisco perfettamente la tua rabbia. Giusto ieri mia madre mi suggeriva di smettere di scrivere articoli in cui parliamo male dei dentisti, ma le spiegavo che è troppo diffusa una odontoiatria di sufficienza in cui il dentista si arricchisce senza aggiornarsi e lavorando in nero. Il tuo caso non è purtroppo una eccezione. Ti auguro di trovare un professionista he possa almeno rimediare ai disastri passati restituendoti una dentatura fissa e duratura! Ciao!

        2. DALLE GRAVE ARIELLA

          anch’io ho pagato le maniglie d’oro ai dentisti italiani, cosi’ bravi che in 10 anni di apparecchio ortodontico mia figlia ha ancora i denti storti. Non ne vuole più sapere nulla ormai.

  17. Nicolo Leonardi

    Buonasera a tutti, io sono nato in Italia e con 12 anni mio padre é venuto a vivere in Brasile e sono venuto assieme. Mi sono laureato in Odontoiatria, fatto specializzazione in Chirurgia e Ortodonzia.
    Io credo che in Brasile i dentisti siano molto bravi e i trattamenti costino pochissimo anche perché l’euro adesso é molto valorizzato. Per esempio la mia fidanzata fará un impianto la settimana prossimo e chirurgia di gengiva, il tutto costerá 1.100 REAIS, cioé 250 euro circa, e si potrebbe anche rateizzare con assegni, cioé dare vari assegni e pagare un poco ogni mese. Io abito a Uberlandia (800 mila abitanti) e oggi faccio solamente ORTODONZIA, ma chiunque avrebbe bisogno di qualunque cura (impianti, canali, capsule) mi contatti che ho vari colleghi molto bravi e sicuramente costeranno moltoooo meno che in Italia e poi vi fate anche 5 giorni a RIO DE JANEIRO HAHAHAHAHHAA.

    Se avete bisogno : drnicololeonardi@hotmail.com o whats app 005534993343334

    Ciao a tutti
    Nicoló Leonardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *